Piano di azioni

2016-2017

Ai sensi della normativa, il CUG ha compiti propositivi, consultivi e di verifica con finalità di garantire un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto del principio di pari opportunità e di contrastare qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica sulle /sui lavoratrici / lavoratori.

In seno al CUG sono state unificate le competenze dei Comitati pari opportunita e dei Comitati paritetici sul fenomeno del mobbing, costituiti in applicazione della contrattazione collettiva, dei quali assume tutte le funzioni.

In particolare, in base alle linee guida adottate dalla PAT, il CUG deve interpretarsi quale soggetto mediante il quale sia possibile raggiungere più obiettivi:

  1. assicurare, nell'ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e garantendo l'assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua;
  2. favorire l'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l'efficienza delle prestazioni lavorative, anche attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici;
  3. razionalizzare e rendere efficiente ed efficace l'organizzazione dell’amministrazione della Provincia autonoma di Trento e di quella dei propri enti pubblici strumentali anche in materia di pari opportunità, contrasto alle discriminazioni e benessere dei lavoratori e delle lavoratrici.

Il CUG, al fine di elaborare il proprio  “piano di azioni positive”  ha promosso incontri con numerosi stakeholders per effettuare la  ricognizione delle realtà territoriali e nazionali che si occupano di pari opportunità, discriminazioni e mobbing.

Oltre ad un’indagine sui CUG già operativi in vari contesti nazionali e territoriali, parte cruciale di questo primo passo sono stati i momenti di confronto con le principali figure di riferimento locali che operano in dette tematiche, finalizzati a raccogliere esperienze, azioni in atto e condividere possibilità di collaborazioni.

Sono state incontrate: le Presidenti dei CUG dell’Università di Trento (pro-rettrice alle politiche di equità e diversità) e del Comune di Trento, la Consigliera di Parità della PAT e la Consigliera di Fiducia della PAT .

Sono state inoltre incontrate alcune figure di riferimento di quei servizi istituzionali le cui attività riguardano gli ambiti di intervento propri del CUG: la responsabile della formazione del settore pubblica amministrazione di Trentino School of Management (TSM), la Referente dell’area Laboratorio Benessere Organizzativo-LaBOr, il Dirigente generale dell'Agenzia per la famiglia della PAT, il Comitato provinciale di coordinamento in materia di salute e sicurezza.

Alla luce di quanto emerso dagli incontri, dalle riflessioni elaborate nell’ambito della propria attività, il Cug ha definito  gli argomenti che sono oggetto del 

PIANO DI AZIONI POSITIVE:

  • conciliazione vita-lavoro
  • stress lavoro-correlato
  • age-management, che peraltro è collegato sia al primo che al secondo argomento.

E’ stato deciso di affrontare il tema della conciliazione vita-lavoro, anche con riferimento all’age management, come prima linea di discussione, al fine di formulare proposte operative nell'arco di pochi mesi, che potrebbero essere argomento di negoziazione già nella prossima tornata contrattuale.

Dal punto di vista metodologico, il CUG ha convenuto sull'opportunità di procedere con un'analisi degli strumenti già operativi, delle migliori prassi presenti anche a livello internazionale per arrivare alla definizione delle proposte.

Successivamente, già nei primi mesi del 2017, potranno essere affrontati gli altri temi.

f.to La Presidente - Antonella Chiusole

f.to La Segretaria - Lorenza Andrighettoni

Allegati: